Sul debito pubblico Bankitalia non convince | o 14 Aprile 2018

Sul debito pubblico Bankitalia non convince | o 14 Aprile 2018

Trovo uffici pubblici dove la gente porta in giro pezzi di carta mi si chiede di mandare un fax o lettere da affrancare se ancora usiamo le tecnologie del secolo scorso è chiaro che la crescita non ci appartiene».

Sono le parole, lucide e disilluse, di Giacomo Vaciago, l’economista in memoria del quale si è tenuto nei giorni scorsi un convegno all’Università Cattolica. Nell’occasione è stato possibile conoscere lo scenario che Banca d’Italia si prefigura a seguito della fine degli interventi straordinari della Bce e il conseguente rialzo dei tassi di interesse.

L’impatto sul debito pubblico potrebbe essere modesto per le seguenti ragioni: 1) perché la durata media del debito pubblico è di sette anni; 2) perché il rapporto debito/pil si è stabilizzato; 3) perché la percentuale di debito pubblico posseduta da residenti è al 93%.

Il tutto a condizione che l’economia cresca in misura superiore al rialzo dei tassi. Questi argomenti non mi convincono.

Info Utile

Block content. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit nullam nunc justo sagittis suscipit ultrices.

Categorie